skip to Main Content

LA STORIA

LA STORIA DAL 1991 AL 2020

L’ORCIOLO D’ORO è il primo concorso professionale dedicato all’Olio Extravergine d’oliva, nato in Italia e il più antico del mondo. Prende forma nella seconda metà degli anni ‘80 da un’idea di mia madre Marta Cartoceti, che riunendo un piccolo gruppo di appassionati, produttori, ristoratori ed enologi, costituisce una giuria amatoriale. Il progetto prende via via corpo per arrivare alla prima edizione nel 1991 con una giuria costituita esclusivamente da assaggiatori professionisti iscritti agli Albi o Elenchi degli assaggiatori in base alle norme vigenti, appartenenti alle diverse associazioni di degustatori, diventando fin da subito una realtà riconosciuta professionalmente nel mondo olivicolo. Fin dalla prima edizione ufficiale del 1991, L’ORCIOLO D’ORO diventa un’importante e innovativo punto di riferimento per molte aziende olivicole, che vedono nella competizione uno stimolo alla ricerca e allo sviluppo, oltre a una fonte di merito per l’aumento della qualità dell’olio stesso e conseguentemente dei sistemi di lavorazione. L’ORCIOLO D’ORO ha da subito posto in primo piano un’accorta e selettiva attenzione in relazione alla trasparenza di ogni singola operazione svolta, costituendo da sempre una giuria di professionisti guidati da capi-panel riconosciuti, distinguendosi in maniera netta dalle altre realtà: diviene un modello di testa per tutti i concorsi a seguire in Italia e nel mondo che ne traggono spunto. Oggi dall’esperienza trentennale di un contesto che ha fatto la storia del mondo dell’olio come “ L’Orciolo d’Oro “ di mia madre Marta Cartoceti, io, Manuela Vigo, insieme a mio marito Vincenzo Federico Petisi abbiamo ideato LODO, una guida eclettica internazionale dei migliori oli extravergini d’oliva del mondo. Questa guida introduce il lettore nell’affascinante mondo dell’olio, presentando in modo innovativo ma con un occhio attento alla tradizione i suoi lodevoli ed autentici artisti. Non è una guida come tante: le valutazioni sono integrate da recensioni attraverso brevi descrizioni di aziende, luoghi, profumi, sapori, e persone.

“Siamo fermamente convinti che un olio sia fatto di luoghi, storia, personalità, emozioni che non si possono comprendere solamente attraverso con un punteggio, ma vanno raccontati.”

Back To Top